Archivi tag: neuroni

Joe Dispenza – Allena il tuo cervello per cambiare la tua vita

Allena il tuo cervello

Come mai? Perché ti sarà molto utile in caso vogliate cambiare la vostra vita.

Allenare il cervello significa essere in grado di modificare i percorsi neuronali. All’interno del nostro cervello ci sono tantissime informazioni collegate fra loro, tutte tramiti dei percorsi. Questi percorsi possono essere denominati in maniera semplificata “abitudini”. Più ripetete le stesse azioni, più questi legami e queste connessioni si fortificano e le abitudini diventano sempre più radicate e difficili da cambiare.

Ma non impossibile!

Fortunatamente il cervello è mutevole. Possiamo cambiare quello che c’è all’interno, cambiando pensieri ed azioni. E’ un circolo vizioso, le azioni cambiano i pensieri e viceversa. Ecco perchè spesso si dice alza le spalle e la testa per sentirti meno triste. Oppure fatti una corsetta per sfogarti. Il corpo reagisce a determinati input producendo alcune componenti chimiche. Joe Dispenza spiega in maniera specifica cosa produce il corpo e come in questa sua conferenza tradotta in italiano.

Si parla di DNA, proteine, neuroni, sostanze chimiche e i loro rapporti con le nostre emozioni ed azioni.
Il corpo è una macchina che produce proteine e l’importanza di questa cosa è enorme. Tutto quello che siamo dipende dalle proteine che produciamo.

La rete neurale quindi è una conseguenza dei nostri atteggiamenti. Se potessimo studiare quali percorsi neuronali abbiamo nel cervello, potremmo capire subito il nostro stato di salute futuro.
Le visualizzazioni e le meditazioni spesso vengono utilizzate per provare certe emozioni. Questo stato fa vivere al corpo un’esperienza che ancora non è reale, ma alleniamo il nostro corpo a viverla, in modo da farla successivamente diventare realtà.

Joe Dispenza spiega che il segreto è dissociare la nostra mente terrena da quella divina. Quando visualizziamo, non dobbiamo avere limiti e paure, dobbiamo cercare di connetterci all’energia che guida il mondo. In quel momento il corpo vive un’esperienza unica, molto più potente della visualizzazione semplice.