Louise Hay è morta. Grazie di tutto.

Louise Hay è morta all’età di 90 anni.

Ha fatto tanto per la comunità con i suoi libri e con i suoi atti.

“Nel 1976, Hay scrisse il suo primo libro, Heal Your Body, che inizia come un piccolo opuscolo contenente un elenco di disturbi del corpo e delle loro” probabili” cause metafisiche. Questo opuscolo fu poi ampliato e esteso nel suo libro Puoi guarire la tua vita , pubblicato nel 1984 “.  scrive Wikipedia.

Da giovane iniziò a guidare gruppi di sostegno per le persone che vivevano con l’HIV / AIDS, che ha chiamato “Hay Rides”. Questi gruppi si svilupparono partendo da qualche persona fino ad arrivare ad alcune centinaia di persone riuniti in una grande sala a West Hollywood, in California.

Louise Hay ha sempre offerto una  guida spirituale, affermazioni e amore incondizionato. Ha iniziato a diffondere anche visualizzazioni ed affermazioni basate sulla capacità del cervello di modellarsi e modificarsi. Cambiando i pensieri si cambiano le abitudini, sosteneva e cambiando i comportamenti vivremo in un corpo più sano.

Hay ha creato un’organizzazione caritatevole chiamata Fondazione Hay, fondata nel 1985, che ha aiutato migliaia di persone in tutto il mondo.

Questa è una dichiarazione di Reid Tracy, CEO e Presidente, Hay House, Inc .:

“La nostra amata amica e fondatrice Louise Hay è morta questa mattina, il 30 agosto 2017, di cause naturali all’età di 90 anni. Ci ha lasciato pacificamente nel sonno.

Louise era un’incredibile visionaria e avvocato. Chiunque abbia avuto il privilegio di incontrarla, di persona o nelle sue parole, ha sentito la sua passione nel servire gli altri.

Louise ci ha affidato l’azienda che ha costruito per arricchire la vita di altri interessati alla guarigione e allo sviluppo personale.

La sua eredità vivrà e il suo spirito ispirerà tutto quello che facciamo. Hay House continuerà a pubblicare prodotti e corsi di apprendimento on line che si allineano con gli insegnamenti principali di Louise.

La onoreremo attraverso i nostri ricordi e faremo la sua visione per molti anni a venire. So che siamo divinamente guidati dalla sua mano piena di amore.

La proprietà di Louise Hay, così come tutte le future royalties, saranno donate alla Fondazione Hay, un’organizzazione senza scopo di lucro istituita da Louise che supporta finanziariamente organizzazioni diverse che forniscono cibo, rifugio, consulenza, cure ospedaliere e fondi per i bisognosi “.

Joe Dispenza – Allena il tuo cervello per cambiare la tua vita

Allena il tuo cervello

Come mai? Perché ti sarà molto utile in caso vogliate cambiare la vostra vita.

Allenare il cervello significa essere in grado di modificare i percorsi neuronali. All’interno del nostro cervello ci sono tantissime informazioni collegate fra loro, tutte tramiti dei percorsi. Questi percorsi possono essere denominati in maniera semplificata “abitudini”. Più ripetete le stesse azioni, più questi legami e queste connessioni si fortificano e le abitudini diventano sempre più radicate e difficili da cambiare.

Ma non impossibile!

Fortunatamente il cervello è mutevole. Possiamo cambiare quello che c’è all’interno, cambiando pensieri ed azioni. E’ un circolo vizioso, le azioni cambiano i pensieri e viceversa. Ecco perchè spesso si dice alza le spalle e la testa per sentirti meno triste. Oppure fatti una corsetta per sfogarti. Il corpo reagisce a determinati input producendo alcune componenti chimiche. Joe Dispenza spiega in maniera specifica cosa produce il corpo e come in questa sua conferenza tradotta in italiano.

Si parla di DNA, proteine, neuroni, sostanze chimiche e i loro rapporti con le nostre emozioni ed azioni.
Il corpo è una macchina che produce proteine e l’importanza di questa cosa è enorme. Tutto quello che siamo dipende dalle proteine che produciamo.

La rete neurale quindi è una conseguenza dei nostri atteggiamenti. Se potessimo studiare quali percorsi neuronali abbiamo nel cervello, potremmo capire subito il nostro stato di salute futuro.
Le visualizzazioni e le meditazioni spesso vengono utilizzate per provare certe emozioni. Questo stato fa vivere al corpo un’esperienza che ancora non è reale, ma alleniamo il nostro corpo a viverla, in modo da farla successivamente diventare realtà.

Joe Dispenza spiega che il segreto è dissociare la nostra mente terrena da quella divina. Quando visualizziamo, non dobbiamo avere limiti e paure, dobbiamo cercare di connetterci all’energia che guida il mondo. In quel momento il corpo vive un’esperienza unica, molto più potente della visualizzazione semplice.